Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 27 agosto 2015

Path of Desolation - Soaked Jester

#PER CHI AMA: Melo Death, Dark Tranquillity, Insomnium
La Svizzera è diventata ormai un calderone ribollente di metallo lavico: abbiamo abbracciato negli ultimi tempi il post metal, noise, punk, post rock, black e sludge, mancava solo il death metal, eccomi accontentato. I Path of Desolation vengono da Losanna e propongono un death carico di groove, di derivazione scandinava. Solo tre però i brani a disposizione di questo mini cd, che apre con delicati tocchi di piano in "Rest in Your Fears", ma sontuosamente cresce e divampa in un incedere oscuro che richiama per certi versi gli Insomnium in una versione un po' più brutale e variegata, come dimostra la seconda parte della opening track, un intreccio di sonorità al limite della schizofrenia e dalla quasi assenza di banalità, tuttavia non cosi facile da assimilare. Con la title track ci lasciamo conquistare da squisite melodie e dal dualismo vocale tra il growling acido di Dave e le vocals pulite, decisamente meno convincenti, del bassista Grant. Ciò che emerge e mi esalta, è comunque una certa pulizia delle linee di chitarra che ben si amalgamo con le ariose tastiere e anche una ventata di freschezza nelle idee del gruppo elvetico. Con la conclusiva "The Word", si sprecano i richiami ai Dark Tranquillity, anche se il ritmo è decisamente più cadenzato; peccato solo che a un certo punto compaia quasi dal nulla, una anonima voce femminile che prova a duettare col cantato feroce del frontman. Esperimento bocciato, semplicemente perché la signorina Anna Murphy non rivela grosse potenzialità canore. Alla fine 'Soaked Jester' si dimostra comunque un debut EP ricco di spunti e idee non proprio da censurare, anche se dalla durata troppo risicata; una song addizionale non avrebbe certo guastato, e soprattutto la mia valutazione finale ne avrebbe tratto beneficio. Da tener sotto traccia. (Francesco Scarci)

(Self - 2014)
Voto: 65