Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 20 settembre 2014

Venus Victrix – Volume I

#PER CHI AMA: Occult Rock, The Oath, Blood Ceremony, Blue Oyster Cult
I Venus Victrix sono una band autoprodotta proveniente dal Texas, assecondata e ammaliata dalle luci psichedeliche dell'occult rock che di questi tempi sta tornando alla ribalta con l'interessamento di personaggi accreditati e di fama mondiale, come l'ex Cathedral Lee Dorian. che sforna retro rock con voce femminile in continuazione (Blood Ceremony, The Oath, Purson....). La band americana si esalta soprattutto nelle atmosfere più rarefatte, psichedeliche e doom come in "Tsukuyomi", dove la esile voce eterea di T. Marie si mostra più padrona della scena. Una musica che rievoca palesemente il sound vintage dei 70's in tutto e per tutto: la cadenza e il taglio caldo delle chitarre, i piatti sguaiati e una batteria dal suono scarno e naturale, giocano delle buone carte nella costruzione dei brani, il profumo di rock degli Humble Pie, un tocco psichedelico alla Captain Beefheart, le escursioni acustiche e l'immancabile cadenza oscura alla Black Sabbath, chiudono alla fine il cerchio magico. Una produzione non sempre all'altezza della situazione che avrebbe dovuto esaltare maggiormente la profondità e lo spessore del suono, non pregiudica affatto questo 'Volume I' e la ricerca sonora a ritroso della band anzi, in alcuni casi riesce a donare quel suono magico che caratterizzò i primi album dei Blue Oyster Cult. Il duo texano si divide i compiti a metà e vede KJLK suonare abilmente tutti gli strumenti mentre T. Marie, che risulta essere una voce stregata dalla luna, poco consona all'aggressività e morbida come una Carole King in versione "Candice Night" (vedi Blackmore's Night) che canta brani dei Fletwood Mac, assume il comando delle operazioni e ci traghetta nel versante occulto del rock anni settanta dei Venus Victrix, con luci e ombre che lasciano trasparire umori alterni, tra tutte le variegate note del disco. Troppo delicati per risultare doom, troppo elaborati per essere solo rock, il mondo esoterico dei Venus Victrix ha bisogno di una corsia preferenziale di pura esaltazione prog/psichedelica/sciamanica per entrare nella vostra testa ed essere concepito. Quindi aprite a dismisura le vostre menti e ascoltate questo lavoro! (Bob Stoner)

(Self - 2014)
Voto: 70