Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 19 dicembre 2015

Sky Shadow Obelisk - Beacon

#PER CHI AMA: Prog/Doom, Aarni
Peter Scartabello, cognome tipicamente italiano, è l'uomo che si nasconde dietro al moniker Sky Shadow Obelisk e alla musica assai particolare contenuta in 'Beacon', disco di debutto del polistrumentista americano dopo un paio di EP. La proposta del musicista del Rhode Island non è quanto di più facile potrete ascoltare: è necessaria infatti una certa predisposizione allo sperimentalismo sonoro e avere anche timpani adatti ad accettare il cantato alieno del mastermind statunitense. 'Beacon' consta di cinque brani, alcuni dei quali parecchio lunghi (si sfiorano addirittura i 20 minuti con "Velus Temporum"). Il disco si apre con le atmosfere inquietanti, ma aliene si addice di più, della title track: una melodia stralunata e totalmente dissonante (leggasi Ved Buens Ende) su cui si instaura la voce psicotica del buon Peter, che propone una timbrica pulita ma di assai difficile approccio in quanto appare palesemente stonato. Non ho la più pallida idea se l'effetto sia voluto o meno, ma ascoltando le linee melodiche totalmente sghembe, mi farebbe propendere per una scelta voluta che conduca ad una proposta musicale fuori dagli schemi e da ogni termine di paragone con altre realtà musicali. L'obiettivo alla fine è centrato. Anche nella seconda "The Ancient Yeasts of Yoh-Vombis", titolo che richiama inequivocabilmente l'occulto mondo di H.P. Lovecraft, attraverso una song lenta, e resa triste dal cantato drammatico di Peter (che qui trova sfogo anche in una veste growl), troverete una proposta assai sperimentale e non comune. La musica, nella sua lentezza disarmante, palesa una certa influenza che rimanda al rock progressivo e a fraseggi jazz. Influenze che svaniscono con la più ruvida e death doom oriented "Scepter of the Black Sun", che mette in luce uno splendido assolo e una serie di ubriacanti scale ritmiche conclusive. Non è certo la campana di "For Whom the Bell Tolls" quella che risuona in "The Polymorphic Bell of the Messenger", un'altra song che evidenzia la natura psicotica e sperimentale dell'artista di Providence. Sul suono di una campana infatti si insinuano una serie di improbabili suoni intergalattici e vocals robotiche. La sperimentazione qui raggiunge livelli parecchio elevati e se non vi sentite pronti ad andare oltre i vostri limiti, è molto meglio che vi interrompiate qui. Mr. Scartabello è un pazzo furioso lo devo ammettere, per cui nulla suonerà convenzionale nel delirio musicale in cui vi imbatterete ascoltando 'Beacon'. Frastornato da suoni idiosincratici, mi preparo a scalare gli ultimi 19 minuti di "Velus Temporum", neanche fosse "L'Alpe d'Huez" nel Tour de France. È funeral doom quello che mi attende al valico orrorifico di quest'ultima traccia, che mi fa sprofondare in un dirupo di disperazione e paranoia, consumandomi i pochi neuroni avanzati nel mio cervello. Il connubio voce delirante e growl, instauratosi sul tappeto plumbeo, suona come angosciante e agonizzante per il sottoscritto, pur mostrando tuttavia qualche punto di contatto con i primi Candlemass. Fortunatamente e in modo alquanto inatteso, mi imbatto in 5-6 minuti di silenzio, manna dal cielo per la mia mente già consumata, dopo aver affrontato un album del genere. Ma rimangono ancora gli ultimi due minuti di cui godere: altri estranianti suoni di un folle musicista. Marziano. (Francesco Scarci)

(Yuggoth Records - 2015)
Voto: 75

https://www.facebook.com/skyshadowobelisk