Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 2 novembre 2014

Emrevoid - Riverso

#PER CHI AMA: Black/Death, Svart Crown, Dismember, Ulcerate
Piacevole all'udito ed alla vista, l'EP di debutto degli Emrevoid scorre fluidamente già dal primo ascolto. Una sapiente miscela di dissonanze (infondo vogliamo tutti bene agli Ulcerate), violente accelerazioni e un sound corposo sono la chiave vincente del combo romagnolo, le cui composizioni avanzano imponenti e senza tregua per tutta la durata dell'opera. Nessuna carenza tecnica e nesuna sporcizia, giusto quel leggero velo cinereo nel suono per rendere il tutto più oscuro, polveroso e di conseguenza apprezzabile. Il songwriting seppur calcante le linee classiche del genere, viene valorizzato dall'alta varietà di pattern utilizzati dal gruppo, ciclicamente ripetitivi in tutta la durata del disco ma comunque capaci di tenere alto il livello d'attenzione e di piacere. Particolarità di 'Riverso' sono le liriche in italiano che non stonano nel complesso ed acuiscono una malevola sensazione nel momento in cui si riescono a comprendere alcune frasi. Altra menzione doverosa si deve alla costante ombra melodica svedese (mi sovvengono all'ascolto, freddezze alla Dark Funeral e Dissection) che gioca a nascondersi ed apparire per brevi momenti, rinvigorendo notevolmente alcune tracce, dove "Il Tuo Disegno" ne diventa l'emblema. Tirando le somme, questo debut album è ben concepito e sembra promettere (speriamo in bene) in un futuro full-length che sviluppi pienamente le varie idee della formazione italica. Chiudo invitando i cari ascoltatori della vecchia scuola a non spaventarsi più di tanto, poichè ho qui riportato solo i particolari che caratterizzano l'opera, la base rimane un consistente death metal che strizza continuamente l'occhio ai primordi Mordib Angel ed Obituary; verso la fine del disco lo percepirete sempre di più, in primis nelle ritmiche. (Kent)

(Drown Within Records - 2014)
Voto: 65

https://www.facebook.com/emrevoid